Tag

, , , , , ,

Il Bicerin di Cavour

Il turista che arriva a Torino rimane affascinato nello scoprire parecchi caffè e locali storici di altra epoca. Infatti il caffè a Torino è soprattutto ottocentesco, sopravvive e prospera a testimonianza della sua tradizione che evidenzia la vocazione storica e culturale della capitale piemontese.
Questa caratteristica si può notare ancora oggi in alcuni suoi antichi locali quali: Del Cambio, Al Bicerin, Baratti, Fiorio, Platti, San Carlo, Torino, Mulassano e San Giorgio (al Valentino).
Tra le mura di questi famosi caffè tra il sorseggio di un liquore o di un the accompagnato da deliziosi pasticcini o di semplici caffè, i politici di un tempo discutevano delle sorti del regno Sabaudo, gli artisti prendevano appuntamenti e la ricca borghesia si soffermava a discutere d’affari. Ne citiamo brevemente alcuni per ordine di nascita. Visitare questi locali e come fare un salto indietro  nel tempo  poter vedere arredamenti e locali cosi come li vedevano le dame i i signori del sette – ottocento.
Caffè ristorante Del Cambio
Nasce nel 1757, è situato sulla piazza davanti al Palazzo Carignano, sede del primo Parlamento Italiano. Il signorile locale ha una ambientazione molto raffinata con grandi specchiere, decorazioni, stucchi e affreschi; ebbe illustri frequentatori e principalmente il Conte Camillo Benso di Cavour del quale è indicato con targhetta in bronzo il posto abitualmente da lui occupato e dal quale poteva vedere il balcone del palazzo Carignano da dove si affacciava il suo segretario per chiamarlo quando era necessaria la sua presenza in aula . Ora il locale fa solo più servizio di ristorante.
Caffè confetteria Al Bicerin
Posto sulla piazza del santuario della Consolata è nato nel 1763; il locale, di indubbio valore storico ci è giunto esattamente come era allora. Qui è stato servito per la prima volta il Bicerin (piccolo bicchiere). Tale tradizione non si è persa e ancor oggi è possibile, qui e in molti locali torinesi anche non del centro città, apprezzare questa bevanda. Tra i frequentatori del locale si può ricordare Giacomo Puccini,Cavour ,che attendeva seduto a un tavolo l’uscita della famiglia reale dalle funzioni della Consolata fino ad arrivare  a Mario Soldati, Macario e tanti altri personaggi che hanno lasciato la loro impronta nel caffè storico.
Caffè gelateria Fiorio
Posto sotto i portici della via Po è nato nel 1780, fu il più aristocratico in Torino meta di nobili, diplomatici e intellettuali. Lo chiamavano il caffè dei codini e dei Machiavelli. Era la fucina dell’opinione pubblica di Torino, tanto che si usava dire: cosa si dice al Fiorio? Qui infatti presero vita i primi moti che portarono al’ unita d’Italia
Caffè San Carlo
Situato sotto i portici della magnifica piazza omonima, fu inaugurato nel 1822; è stato il primo caffè d’Italia ad adottare (1832) la luce a gas. Fu salotto intellettuale percorso da forti formenti di patriottismo, una delle roccaforti del Risorgimento. Con i suoi preziosi marmi, statue e dorature è considerato il più prestigioso salotto di Torino, fu molto danneggiato nel secondo conflitto mondiale e restaurato completamente nel 1979.
Caffe Plattì.
In Corso Vittorio Emanuele, fu aperto nel 1870. Il caffè, vicino al prestigioso liceo d’Azeglio, ebbe tra i suoi clienti affezionati anche il Senatore Giovanni Agnelli, fondatore della F.I.A.T., Luigi Einaudi e Cesare Pavese. Probabilmente fra queste sale germogliò la grande azienda automobilistica.
Caffè confetteria Baratti
Posto fra la Galleria Subalpina e Piazza Castello, fu aperto nel 1875 da Ferdinando Baratti e Edoardo Milano; il signorile locale si distinse subito per la sua classe tanto da ottenere l’ambito titolo di Fornitore della Real Casa.
Caffè Torino
Posto sotto i portici della Piazza San Carlo è stato inaugurato nel 1903; è il salotto elegante in cui tutta la città bene del passato e di oggi si è soffermata e si sofferma. È sempre stato sinonimo di eleganza e di servizio impeccabile.
Caffè Mulassano

Sotto i portici della Piazza Castello verso la via Po, fu aperto nel 1907. È un ambiente particolarmente prezioso e accogliente, ricco di marmi, decorazioni floreali in bronzo e con il soffitto a cassettoni. Era ritrovo abituale negli anni di Casa Reale dei notabili di Corte e degli artisti del vicino Teatro Regio.

Con la collaborazione di Torino Magica 2000

Contattaci se vuoi rivivere, scoprire i luoghi magici…dell’affascinante “Torino”

info@atmospheraitalia.aitmitaliaservices.com

Annunci